Cantucci al cioccolato

Difficoltà
Cantucci al cioccolato

Se siete alla ricerca di un dolcetto da gustare in ogni momento della giornata, i nostri cantucci al cioccolato sono quello che fa per voi! I Cantucci, chiamati anche Cantuccini, sono conosciuti come “Biscotti di Prato” e sono un dolce di origine toscana: la ricetta originale vede questi piccoli biscotti secchi alle mandorle i compagni perfetti del vin santo, ma si trovano anche con varianti con pistacchi, nocciole e cioccolato.
Ideali anche per una pausa a metà mattina con una tazza di caffè o come merenda con del the caldo, questi cantucci al cioccolato diventeranno il vostro dolce spuntino preferito. Questi biscottini riescono a rimanere croccanti e fragranti per oltre una settimana se conservati in una scatola di latta, in sacchetti per alimenti oppure in contenitori ermetici. Sono perfetti quindi per diventare piccoli sacchettini da regalare a qualche persona speciale o per essere consumati anche nel giro di qualche settimana. E ora, pasticceri, accendete il forno e preparatevi a mettere le mani in pasta, perché stiamo per preparare insieme dei buonissimi cantucci al cioccolato con i vostri biscotti Pan di Stelle!

 

INGREDIENTI

Per 8-10porzioni

PER L'IMPASTO

  • 2 uova medie
  • 230 g di zucchero semolato
  • 290 g di farina per dolci
  • 150 g di Biscotti Pan di Stelle
  • 1 pizzico di sale fino
  • 5 g di lievito per dolci
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia (o vanillina o i semi di 1/2 bacca)

PER SPENNELLARE

  • 1 uovo intero
  • 2 cucchiai di latte

Fatta con

PROCEDIMENTO

Per preparare questi cantucci al cioccolato vi serviranno solo 10 minuti di preparazione e 15 di cottura: una ricetta facile, veloce e davvero buonissima da preparare anche quando avete poco tempo a disposizione! Ecco come realizzarla:

 

STEP 1 di 3

PREPARATE L’IMPASTO

In una ciotola, con una frusta, mescolate tra loro gli ingredienti secchi: farina e lievito setacciati e biscotti Pan di Stelle precedentemente frullati fino a ridurli in polvere. Ora lavorate l’impasto con le mani fino a ottenere un panetto liscio.

 

STEP 2 di 3

PRIMA COTTURA

Dividete ora l’impasto ottenuto  in 2 parti uguali, formate due rotoli lunghi circa 30 cm e disponeteli entrambi su una teglia con carta da forno. Spennellateli con l’emulsione ottenuta mescolando l’uovo al latte e infornate per 15 minuti a 180°.

 

STEP 3 di 3

SECONDA COTTURA

Tagliate ora i filoni di pasta a fettine di circa 1,5cm di spessore. Dopodiché infornate nuovamente per 8 minuti a 180°.

 

Varianti

Una variante golosa a questi cantucci al cioccolato sono i cantucci al cacao e nocciole: mettete in una ciotola 220 gr di farina, 200 gr di zucchero , 30 gr di cacao in polvere setacciato, 1 pizzico di sale e 2 uova.
Amalgamate bene gli ingredienti con le fruste o con una planetaria fino ad ottenere un composto omogeneo. Unite poi una bustina di lievito per dolci e mescolate. Infine aggiungete le nocciole tritate o, se preferite, le mandorle intere, e impastate fino ad ottenere un impasto omogeneo.
Dividete l’impasto ottenuto in 3 filoncini e cuoceteli in forno a 180° per 30 minuti. Una volta pronti tagliateli in diagonale e fate cuocere nuovamente in forno per altri 5 minuti. Spolverizzate con zucchero a velo prima di servire e il gioco è fatto! Ma se preferite potete anche sostituire alle nocciole dei granelli di pistacchio o la frutta secca che preferite: il risultato sarà ugualmente meraviglioso!
A proposito di croccantezza e nocciole, conoscete già la ricetta dei biscotti nocciole e cioccolato? Sono un’altra bontà tutta da scoprire!

 

Curiosità

Vi siete mai chiesti l’origine dei cantucci? Dolce famoso per essere tipico della pasticceria tradizionale toscana? L'origine dei cantucci (nella loro versione senza mandorle) risale al XVI secolo e il nome sembra derivare da "canto" o da "cantellus", che in latino significa “pezzo di pane”. Ma solo nel 1691 compare per la prima volta la ricetta ufficiale di questi biscotti sul dizionario dell'Accademia della Crusca, la cui definizione diceva "biscotto a fette, di fior di farina, con zucchero e chiara d'uovo".
Se fino a quel momento la ricetta prevedeva un impasto classico, molto semplice, senza l’aggiunta di cioccolato o frutta secca, l’utilizzo delle mandorle diventa popolare solo nell’epoca di Caterina de’ Medici, ovvero nella seconda metà dell’Ottocento. Ma se fino a quel momento la ricetta dei cantucci era rimasta esclusiva della città di Prato, ricevette un riconoscimento mondiale nel XIX, dove venne premiata con numerosi premi e riconoscimenti a fiere campionarie in Italia e all'estero, tra cui una menzione speciale all'esposizione universale di Parigi del 1867. 

 

Sogna con noi sui social

Seguici su